paralisi cerebrale infantile
La paralisi cerebrale infantile: cos’è e come riconoscerla
15 Giugno 2017
disturbo oppositivo provocatorio a scuola
Disturbo oppositivo provocatorio a scuola: cosa fare?
11 Luglio 2017

La disprassia evolutiva: cos’è e come riconoscerla

disprassia evolutiva

L’incapacità di compiere azioni volontarie con naturalezza e coordinazione corrisponde ad un disturbo ben preciso: la disprassia evolutiva.  Questo disordine comporta nel bambino degli evidenti problemi nella quotidianità, perché anche una semplice azione come quella di vestirsi, può risultare molto complessa e creare disagi. Ma in cosa consiste esattamente la disprassia? Analizziamo insieme le sue caratteristiche per chiarire quali conseguenze comporta e come fronteggiarle.

Cos’è la disprassia evolutiva?

La disprassia evolutiva è un disturbo della coordinazione motoria che implica dei problemi nello svolgimento delle normali azioni quotidiane e nei gesti volontari. La difficoltà nella coordinazione motoria spesso include anche una forma di disprassia verbale, che ha delle ripercussioni nella sfera linguistica del bambino.

La difficoltà di eseguire dei movimenti intenzionali, soprattutto in sequenza, rende il bambino molto impacciato. Inciampa spesso, non riesce ad allacciarsi le scarpe e frequentemente manifesta delle difficoltà nella lettura e nella scrittura.

Un soggetto disprassico riesce ad apprendere i giusti movimenti, ma si trova nella difficoltà di metterli in pratica correttamente, facendo molti sforzi ma senza ottenere grandi risultati.

La disprassia è un disturbo che si verifica già in età evolutiva. I suoi primi segnali si manifestano sin dalla più tenera età e sono riscontrabili in tutti quei movimenti volontari che il bambino esegue già a partire dai 2 anni.

Come riconoscere un bambino disprassico

Riuscire a riconoscere un bambino disprassico è un’operazione molto complessa. Spesso il disturbo si confonde con la goffaggine e inevitabilmente si sottovaluta il problema.

I segni della disprassia evolutiva si evidenziano già nei primi anni di vita del bambino, ma sono anche diagnosticabili successivamente:

  • Alimentazione. Il bambino non riesce a svolgere adeguatamente le operazioni di suzione e trova dei problemi anche quando si appresta a mangiare da solo.
  • Movimenti. Manifesta delle difficoltà evidenti quando deve prendere degli oggetti. Gattonare, camminare e stare seduti sono azioni che apprende con ritardo rispetto ai coetanei.
  • Linguaggio. Le difficoltà motorie si associano a quelle verbali. Il bambino comincia a parlare più tardi degli altri e già nella fase di lallazione si riscontrano le prime difficoltà.
  • Concentrazione. La sua capacità di concentrarsi è molto scarsa e non supera la durata di qualche minuto.
  • Lentezza. Ogni sua azione è particolarmente lenta, sia nel quotidiano che a scuola, rimanendo sempre indietro rispetto alle altre persone accanto a lui.
  • Manualità. Tutte le attività manuali sono problematiche perché l’incapacità motoria gli rende difficile essere preciso e coordinato. Anche le facoltà di disegnare e scrivere sono compromesse.
  • Gioco. Non riesce a partecipare alle attività di gioco in maniera adeguata, perché ha difficoltà ad afferrare la palla, a giocare con le costruzioni e a completare dei puzzle. Anche le attività sportive risultano troppo complicate da gestire.
  • Capacità relazionale. Il bambino non riesce ad integrarsi perfettamente con i suoi coetanei per la sua goffaggine e per la sua scarsa coordinazione motoria, che lo emarginano dal gruppo.
  • Stanchezza. Per compiere i normali gesti quotidiani consuma tutte le sue energie e ne consegue una spossatezza che lo accompagna per tutta la giornata.

Il bambino con disprassia non riesce a pianificare adeguatamente le sue azioni, ad organizzare mentalmente le attività della giornata e a ricordarsi gli impegni e gli orari. La sua postura è inadeguata e il suo comportamento è ritenuto impacciato nella maggior parte delle occasioni.

Tipi di disprassia associata alle cause

In relazione alle probabili cause, le tipologie di disprassia evolutiva possono essere catalogate come primarie e secondarie.

La disprassia primaria riguarda quel complesso di disordini che non hanno alcun legame con problemi di natura neurologica.

La disprassia secondaria è associata a patologie neurologiche come la paralisi cerebrale infantile, o malattie come la sindrome di Down o la sindrome di Williams.

Cause e fattori di rischio

Le cause della disprassia evolutiva non sono ancora state accertate. Si parla di ipotesi che sono legate all’ereditarietà, a predisposizioni genetiche o fattori traumatici.

Anche alcune problematiche durante il parto o eventi traumatici che causano danni cerebrali, sono considerate delle probabili cause di disprassia. In questi casi si parla di disprassia acquisita.

Sono stati anche evidenziati dei possibili fattori di rischio che hanno un’alta probabilità di far nascere dei bambini con questo particolare disturbo:

  • Nascita prematura;
  • Peso inferiore alla media;
  • Assunzione di droghe e alcool della mamma durante il periodo di gestazione;
  • Casi di disprassia in famiglia.

In queste specifiche situazioni, è opportuno attenzionare il bambino per riconoscere nei suoi comportamenti scoordinati un’eventuale forma disprassica.

La diagnosi nei casi di disprassia

Una diagnosi precoce è molto difficile da attuare nei casi di disprassia. Spesso i sintomi sono confusi con una scarsa attitudine del bambino a coordinare i movimenti e a concentrarsi, per pigrizia e cattiva volontà. Il soggetto viene considerato imbranato e lento, senza analizzare il perché dei suoi rallentamenti, sia a casa che a scuola.

Quando la mamma o il pediatra del piccolo scorgono i segnali di disprassia, è bene effettuare dei controlli più accurati recandosi da specialisti del settore.

La prima indagine che viene fatta non coinvolge direttamente il bambino, ma i suoi genitori e la sua storia dalla nascita. Si cerca di capire quali altri comportamenti ha avuto da piccolo per individuare i sintomi del disturbo con l’aiuto dei genitori.

Successivamente si chiede al bambino di svolgere delle attività semplici, come vestirsi o mangiare, per verificare la scarsa capacità motoria attribuibile al disturbo disprassico. Anche le attività ludiche sono un ottimo strumento per individuare dei possibili problemi motori. Ad esempio, le classiche costruzioni mettono alla prova la capacità di organizzazione spaziale del movimento.

Come intervenire nei casi di disprassia

Quando la diagnosi di disprassia evolutiva viene accertata, è necessario che si cominci da subito una terapia di tipo multidisciplinare. Il disturbo è essenzialmente motorio, ma come abbiamo visto, può compromettere anche le acquisizioni linguistiche e l’interazione sociale.

Un’azione sinergica tra interventi di logopedia e psicomotricità è l’ideale per aiutare il bambino a migliorare le azioni quotidiane in ogni campo della sua vita.

Partendo da concetti molto semplici come le azioni svolte durante la routine, è possibile ottenere dei grossi risultati. I movimenti saranno svolti con maggiore precisione ma pur sempre con lentezza.

Ogni intervento terapeutico è impostato sotto forma di gioco, soprattutto se i bambini sono molto piccoli, per aiutarli in maniera meno traumatica e più divertente. È evidente che prima si cominciano i trattamenti terapeutici e prima si evidenziano i progressi, senza avere ripercussioni gravi in ambito scolastico e relazionale.

Le conseguenze della disprassia a casa

Un bambino in cui si manifesta la disprassia evolutiva, sin dal momento in cui si alza dal letto, deve affrontare le sue problematiche che lo rallentano nei movimenti. Le prime difficoltà si incontrano per vestirsi: la scarsa capacità di mettere a fuoco la giusta sequenza, lo porta a sbagliare l’ordine dei capi di abbigliamento, ad esempio invertendo la biancheria intima con maglietta e pantaloni.

Quando arriva il momento di mettersi le scarpe, non è capace di allacciarle da solo e deve chiedere l’intervento di un familiare. A colazione potrebbe fare fatica a versare il latte nella tazza e portare il cucchiaio alla bocca. Non è raro vederlo sporcarsi durante uno qualsiasi dei pasti.

Seguire il percorso per andare a scuola, se non è opportunamente guidato, può risultare davvero difficile, perché l’organizzazione spaziale è compromessa dal disturbo.

Le conseguenze della disprassia evolutiva a scuola

A scuola il bambino può rimanere indietro rispetto ai compagni, sia nei copiati che in qualsiasi altra attività di gruppo. La sua difficoltà nel linguaggio lo può portare ad avere dei seri problemi di apprendimento. Il bambino risulta carente sia nella lettura che nella scrittura.

Esistono delle terapie che coinvolgono le abilità legate al percorso scolastico. È possibile migliorare l’apprendimento del bambino e farlo integrare all’interno della classe, accettando i suoi limiti e aiutandolo a svolgere le attività secondo i suoi tempi.

Commenta con Facebook

Comments are closed.